Ombrellino parasole, un vezzo

 

“Mattino”, Luigi Nono, 1892

 

 

Immagini tratte da “Il Corriere delle dame” 1854

 

Un tempo ci si proteggeva dalla pioggia con i mantelli o con i cappelli e dal sole invece con l’ombrellino. Il parasole nasce dall’esigenza delle nobildonne per ripararsi dal sole e conservare il pallido incarnato distinguendosi dalle contadine che lavoravano nei campi ed avevano una pelle abbronzata. I parasoli venivano usati da donne di elevati ceti sociali e quindi erano preziosi dei veri gioielli, realizzati con sete ricamate, velluti, oppure bordati di merletti, frange, piume di marabù,  fiocchi, passamanerie, rouche, o ricoperti interamente di merletto. Le impugnature potevano essere in avorio, madreperla, osso, argento, oro, ceramica di Sèvres o essenze legnose pregiate. Ce n’erano di varie dimensioni per ogni ora della giornata, per ogni gradazione della luce un apposito ombrellino. Questa moda attraversò un secolo, dal primo decennio dell’800 fino ai primi del ‘900. Ombrellino, ventaglio e fazzolettino erano una civetteria, un vezzo per esaltare la femminilità che ebbe la massima espressione nell’epoca vittoriana.

 

immagine tratta da “Myra’s journal” del 1879

Coppia di ombrellini parasole, collezione Bertha Pappenheim, MAK Vienna

A destra, ombrellino realizzato all’uncinetto, “Merletto d’Irlanda”, a sinistra ombrellino realizzato a fuselli

 

Parasole ricamato ad intaglio, Museo dell'Ombrello e del Parasole, Gignese (VB)

 

Parasole in velluto bianco e merletto tipo San Gallo, manico e puntale in legno, collezione Europea

 Credit The Elizabeth Day McCormick Collection

Photograph © Museum of Fine Arts, Boston*

 

Particolare del merletto

 

 

 

Immagine tratta dalla rivista di moda “Englishwoman's domestic magazine” 1861

 

Immagine tratta da “Englishwoman's domestic magazine” 1863

 

Ombrellino in seta bordato di merletto, 1850 ”

 

Parasole, tratto dalla mostra "In quelle trine morbide", Merletti dell'Ottocento dalla collezione Arnaldo Caprai

 

Parasole in taffetas e merletto meccanico, manico in avorio

Provenienza Italia o Francia, terzo quarto del XIX secolo -  Palazzo Bianco, Genova

 

Ombrellino parasole in merletto a fuselli con una miriade di foglioline a punto spirito, Inghilterra 1870^

 

Ombrellino in merletto a fuselli, Museo dell'Ombrello e del Parasole, Gignese (VB)

 

 

Ombrellino parasole di Sissi, Sisi Museum Vienna

 

Copertura di un parasole realizzato a chiacchierino con filato di lino, probabilmente di provenienza britannica, 1875.

Brooklyn Museum Costume Collection al Metropolitan Museum of Art, dono del Brooklyn Museum, 2009; dono di Lillian G. Peirce, 1966.

 

Particolare della lavorazione eseguita con una miriade di moduli uniti in successione durante lo svolgimento del lavoro

© Metropolitan Museum, New York

 

 

Parasole in seta con manico e puntale in avorio di Dieppe (Dieppe è una località francese dove un tempo si scolpiva artisticamente l’avorio e non solo, è famosa per un punto rete di fondo che viene usato nel merletto a fuselli, Fond Dieppe”).°

 

Figurini di abiti da passeggio con piccolo ombrellino che poteva fungere anche da bastone

 

Serie di ombrellini- bastone proposti sulla rivista “Milliner and Dressmaker”, 1874

 

“Lisa con parasole”, Pierre- Auguste Renoir, 1867

Renoir ha curato con dovizia di dettagli il parasole, si comprende chiaramente che si tratta di una copertura di pizzo chantilly con fodera in seta cruda, il manico sarà stato certamente di avorio.

 

Parasole similare a quello dipinto da Renoir

 

Una serie di ombrellini proposti dalla rivista ”Harper’s Bazar” del 1870

 

 

Una serie di ombrellini proposti dalla rivista ”Harper’s Bazar” del 1871

 

Serie di cinque ombrellini, i due con la copertura in merletto sono parasoli marquise della metà dell’800 con manici in avorio intagliato e merletto a fuselli con filato nero, la fodera è in seta. Gli altri tre sono in seta ricamata del XIX secolo uno ha il manico in corno, gli altri due in avorio. Il parasole Marquise, brevettato nel 1839, aveva dimensioni ridotte, con il manico pieghevole e calotta orientabile. Sul puntale aveva un anello con il quale si poteva portare facilmente al dito o al polso, una volta ripiegato il manico. (creditcatalogue Drouot”)

Schema di un modulo per parasole da realizzare a punto rinascimento, tratto da ”Harper’s Bazar” del 1871

All’esposizione universale di Parigi nel 1855, la ditta B.Ellam presentò un ombrellino parasole applicato alla frusta, un grazioso oggetto per le donne che all’epoca si cimentavano alla guida del calesse, mantenendo la loro femminilità.

 

 

Musei

 

 

Museo dell'Ombrello e del Parasole.

Il Museo di Gignese è stato fondato nel 1939 con lo scopo di fissare le primi origini e la storia degli ombrellai d'Italia originari di Gignese e dell'Alto Vergante e di richiamare l'attenzione dei turisti sul piccolo e ridente paese.

Unico al mondo dedicato al tema dell'ombrello e del parasole: vi si conservano oltre mille pezzi fra ombrelli, parasole e impugnature. Il Museo ospita pezzi curiosi e di notevole valore storico-culturale: dall'ombrello della Regina Margherita di Savoia o quello appartenuto a Giuseppe Mazzini. Gli esemplari nelle vetrine sono tutti di rara fattura e squisitamente lavorati, esposti seguendo un percorso studiato appositamente per incantare gli occhi e stupire la mente del visitatore.

 

           Via Golf Panorama, 3    28836     Gignese (VB)

           Tel. 0323 89622          E-mail   museo@gignese.it                  

           sito web http://www.gignese.it/museo/

 

 

Il Metropolitan Museum of art di New York possiede una vasta collezione di

parasoli.

 

Il Museum of Fine Arts di Boston ha una bellissima collezione di parasoli.

 

 

 

Curiosità

 

       

  Carlo Goldoni nella commedia “ I malcontenti” del 1755, cita il parasole 

          faccio un tabarrino nuovo, un cappellino nuovo ed un parasole”.

 

DallaRaccolta degli atti del governo e delle disposizioni generali” del 1831 si        parla della ditta Winkelmann, la più famosa produttrice di parasoli di Vienna.

 

Il primo manifesto della FIAT datato 1899 a firma di Carpanetto, raffigura una signora e il suo immancabile ombrellino.

 

           

L'ombrello. La sua storia e quella dei «Lusciàt» del Lago Maggiore” è un libro di Armando Aghina pubblicato da Alberti (1994)

 

 

Cochi e Renato hanno cantato una canzone intitolataL’ombrellaio

 

Astuccio a forma di parasole contenente il necessario per ricamare,

Godey’s Lady’s Book and Magazine, 1870

 

 

 

*Il Museum of Fine Arts di Boston è detentore del copyright dell’immagine del parasole che compare in questa pagina web e declina qualsiasi responsabilità per l’uso improprio di tale immagine, anche il webmaster di questo sito declina in modo perentorio qualsiasi responsabilità per un uso improprio dell’immagine da parte di terzi.

 

 

”American Victorian Costume in Early Photographs” di Priscilla Harris Dalrymple

^ http://www.antique-gown.com

°https://www.vareseantichita.it

 

 

Home page