Anatolia- Turchia

 

Merletto ad ago: articolo redatto dal Prof. Taciser Onuk, Capo- Dipartimento delle Arti Applicate dell’Università di Gazi

 

L’Anatolia è la culla di varie civilizzazioni e quindi un paese ricco di artisti, ogni angolo riflette l’arte di queste civilizzazioni. Anche se la tecnologia, i gusti e le produzioni veloci stanno cambiando, l’artigianato anatolico continua a sopravvivere con le mani abili e la sensibilità contemporanea della nazione turca. Le varie forme di artigianato sono uno dei veicoli più importanti in cui la nazione turca può riflettere facilmente i relativi sentimenti. Mentre la bellezza della coltura tradizionale continuerà ad evolversi nelle generazioni future, l’artigianato rimane il documento più chiaro ed espressivo dell'identità culturale di una nazione, riflettendo i secoli del suo percorso produttivo.

 

Il merletto ad ago, una forma di artigianato tradizionale, è uno dei migliori esempi che riflette la cultura turca. La tecnica è quella del chiacchierino e solo in Turchia viene realizzata con l’ago. Sono stati trovati alcuni esemplari datati 2000 a.C.

Si pensa che il merletto dall’Anatolia sia stato trasferito in Grecia e poi in tutta l’Europa, in Italia si suppone sia entrato verso il XII secolo.

 

Il merletto ad ago tiene un posto speciale nel regno del cucito, inoltre è usato al fine della comunicazione per esprimere la sensibilità e il pensiero a seconda del disegno e dei colori usati. Secondo un'indagine effettuata a Icel nel distretto di Camliyayla (Namrun), il merletto ad ago intorno alla sciarpa di una giovane sposa, che non poteva parlare liberamente al suo marito ed ai suoi parenti in conformità con le vecchie tradizioni, rappresenta i suoi pensieri interni. Per esempio, il verde ed i toni differenti di verde riflettono la soddisfazione e la felicità della sposa nella sua unione, mentre i toni gialli e differenti del colore giallo indicano che è infelice ed irritata. I motivi del pepe intorno alla sua sciarpa è un messaggio alla sua suocera che i loro rapporti sono caldi quanto il pepe. Se la sposa, il giorno successivo al matrimonio tiene in testa la sciarpa denominata" Mare-holly" ,significa che la suocera punge come una spina. Secondo la cultura turca, la cognata porta in testa, il giorno del matrimonio, uno scialle decorato con un merletto chiamato “Kutule", il nome di un fiore selvaggio. Porta questa sciarpa alla cerimonia religiosa tenuta dopo la cerimonia di unione.

Il cucito simbolizza la pace. Il cucito non solo contribuisce all'economia di una famiglia ma inoltre è un mezzo per creare le amicizie e la cooperazione sociale fra la gente. Il merletto riflette il gusto, l'intelligenza, la bontà e la creatività eleganti della donna turca. È inoltre intrinsecamente bello. Oggi il merletto dell'ago è fatto a Rize, Konya, Bursa, Kastamonu, Inebolu, Smirne, Balikesir, Gonen, Kutahya, Gediz, Bafra, Mugla, Safranbolu, Koycegiz, Mardin, Ordu, Bolu, Elazig e Icel.

 

 

Needle Lace

No country in the world is as rich as Anatolia in the field of folk-art. Anatolia is the cradle of various civilizations. Every corner of Anatolia reflects the culture of these civilizations. Although rapid production technology and tastes are changing, Anatolian handicrafts continue to survive with the skillful hands and contemporary understanding of the Turkish nation. (Onuk, 1981-1988)

Handicrafts are one of the most important vehicles in which the Turkish nation can easily reflect its sentiments. It also traces its life style. While the beauty of traditional culture will be carried on in future generations, handicrafts are also the most vivid and meaningful documents of the cultural identity of a nation. Thus handicrafts reflect the century during which they are produced. (Onuk 1981-1988)

Needle lace, a traditional handicraft, is one of the best examples that reflects Turkish culture. Needle lace comprises a tatting technique used only by Turks as a means of ornamentation. Examples of needle lace dating back to 2000 B.C. have been found. It is also said that embroidery was transferred from Anatolia to Greece and then to Europe via Italy in the 12th century.

Needle lace holds a special place in the realm of needlework. It is also used as a means of communication to express one'e feelings and thoughts by way of the motifs and colors used.

According to a survey carried out in Icel's Camliyayla (Namrun) district, the needle lace around the scarf of a newlywed who cannot speak freely to her husband and his relatives in line with old traditions, represents her inner thoughts. For instance, green and different tones of green reflect the satisfaction and happiness of the bride in her marriage while yellow and different tones of yellow signify that she is unhappy and annoyed. The pepper motifs around her scarf is a message to her mother-in-law that their relations are as hot as pepper. During the traditional religious ceremony held the day after the marriage ceremony, the daughter-in-law sends a message to her mother-in-law by covering her head with a scarf called "Sea-holly", which means that her mother-in-law shouldn't sting her like a thorn. According to Turkish culture, the sister-in-law wears a head-scarf which is decorated with needle lace called "Kutule", the name of a wild flower. She wears this scarf at the religious ceremony held after the marriage ceremony. Needlework symbolizes peace.

Needlework not only contributes to the economy of a family but also is instrumental in creating friendships and social cooperation among people. Needle lace reflects the elegant taste, intelligence, kindness and creativity of the Turkish woman. It is also intrinsically beautiful.

Today needle lace is made in Rize, Konya, Bursa, Kastamonu, Inebolu, Izmir, Balikesir, Gonen, Kutahya, Gediz, Bafra, Mugla, Safranbolu, Koycegiz, Mardin, Ordu, Bolu, Elazig and Icel.

Prof. Taciser ONUK, Head of the Applied Arts Department of the Professional Educational Faculty at Gazi University

 

Torna mondo

Home page