Scuola di merletto a fuselli dei primi del ‘900 sotto la direzione di Rosa e Louisa Tebbs, Londra°

Bobbin lace "

in Inghilterra

     

Fuselli inglesi moderni, lo si riconosce dall’alternanza delle perline

Storia

L'industria del merletto in Inghilterra si è stabilita nel XVII secolo ed ha impiegato numerosi uomini donne e bambini. Nel periodo di grande splendore del merletto, i bambini impiegati in tale industria erano molto piccoli, dai 5-6 anni.

I merletti venivano eseguiti in grandi cuscini rotondi e piatti e le tecniche erano diverse a seconda del luogo di provenienza. I mercanti di merletti provvedevano personalmente al materiale da distribuire alle merlettaie, dai disegni ai filati. I grandi mercanti invece impiegavano diversi mediatori per acquistare i prodotti, specialmente i filati per poi distribuirli alle merlettaie. Le abili merlettaie non erano costrette a lavorare per uno o per l'altro mercante, ma sceglievano a seconda della varietà nei disegni e fuselli che venivano proposti.

Nel 1636 Carlo I vietò l'importazione del merletto da altri paesi ma nel 1662, questa legge venne abrogata dal Parlamento perché la richiesta era molto alta e lo dimostrano il gran numero di merlettaie che erano impiegate in questa manifattura: nel 1698 ce n'erano 1081 a Salisburgo, 500 nel Bedfordshire, 336 nel Downton. Quando Carlo II salì al trono, ripristinò la legge che vietava l'importazione del merletto, ma lui stesso non rispettò la legge ordinando tre cravatte a Venezia.

Defoe nel 1724, riferì che nei villaggi del Buckinghamshire, Hertfordshire and Bedfordshire si praticava la lavorazione del "merletto dell'osso". Si presume che questo nome derivi dal fatto che i fuselli erano in osso. Nel Devonshire verso il XVIII secolo si produceva dell'ottimo merletto e in seguito sia i disegni che la lavorazione hanno ricevuto un impulso maggiore.

Un censimento del 1881 della città di Wirsworth, ha evidenziato che c’erano ancora 2 tornitori di fuselli, 1 disegnatore, 1 merlettaio e 1 merlettaia.

Merlettaia del Bucks

Gli spilli di un tempo erano in ottone perché non arrugginivano e molte merlettaie li decoravano con perline e avevano dei rudimentali strumenti per avvolgere il filo sui fuselli. Il filato usato era cotone o lino. I disegni erano fatti sulla pergamena che poi veniva cucita ad un pezzo di panno e poi appuntata sul cuscino, questo veniva tenuto tra le ginocchia o appoggiato su un cavalletto o sedia.

 

Merlettaie inglesi

I maggiori luoghi di produzione sono stati: Honiton (nel Devonshire), nell'Est Midland, BedfordshireBukinghamshire, Oxfordshire e l'Est Anglia.

 

Antico Honiton

Moderno Honiton

Bedfordshire

Il merletto nel Bedfordshire, si pensa sia stato introdotto da Caterina d'Aragona sposa di Enrico VIII quando era prigioniera nel villaggio di Ampthill nel 1531. Mentre attendeva gli atti del divorzio da Enrico VIII, per trascorrere meglio il suo tempo, probabilmente insegnò alle donne del villaggio l'intreccio dei fuselli. Si è sempre collegato comunque il merletto alla povertà, già a partire dal XVI secolo .Anche in questa regione i bambini venivano sfruttati moltissimo anche negli orfanotrofi e sottopagati perché piccoli, ma il loro lavoro doveva essere perfetto. I bambini cantavano spesso delle canzoni, al posto delle parole c'erano i numeri che venivano equiparati ad un certo intreccio dei fuselli. Il merletto in questa regione ha dato una grande fama a tutto il merletto inglese. Qui si aprirono scuole molto rigorose rivolte ai giovanissimi e la lavorazione continuò fino al XIX secolo, quando la moda e la tecnologia erano in fase di grandi cambiamenti.

 L'invenzione del merletto meccanico, fece cambiare automaticamente la qualità e la tecnica del merletto fatto a mano, per potersi diversificare. La tecnica apportata fu quella maltese e la trama doveva dare un effetto più rado. Nel 1890 il numero delle merlettaie precipitò, si mossero associazioni e cooperative per riportare il merletto in auge, ma i conflitti mondiali e le varie crisi economiche trasformarono l'industria del merletto in un hobby per gli appassionati di tale arte.

Nel 1973 le merlettaie si ritrovarono e convennero che se anche il merletto era diventato un hobby, questo aveva permesso la sua sopravvivenza; già in quella occasione si sentì l'esigenza di formare una associazione.

Oggi nel Bedfordshire ci sono delle vere artiste del merletto conosciute in tutto il mondo.

Nel "Residencial College", tra molti corsi d'arte che vengono offerti ci sono anche corsi di merletto.

I centri maggiori del Bredfordshire dove si è praticata l'arte del merletto sono: Bedford, Leighton Linsdale, Luton, Est Midland.

Bedford

Bedford lace§

Nel 1820, Thomas Lester iniziò una attività di progettazione e lavorazione del merletto. Lui era un grande artista e i suoi disegni erano unici nella ricerca ed originalità dei soggetti. Vinse diversi premi partecipando a mostre internazionali, anche in America. Insieme ad i suoi figli, verso il 1850, introdusse un nuovo tipo di merletto inizialmente conosciuto come “ Bedfordshire Maltese Lace”. Questo merletto nacque dal Buks Point, era un misto tra il Maltese ed il Cluny, doveva essere veloce da lavorare e difficile da copiare a macchina. Vennero introdotti nella lavorazione molti picot, non eseguibili a macchina. Tutto questo per combattere la venuta del merletto meccanico che avrebbe, in seguito, portato al declino il merletto in tutta Europa.

Merlettaie di Cranfield vicino Bedford

La collezione di merletti di Thomas Lester, è stata donata dalla nipote, Anne Lester, nel 1947 alla " Galleria d'arte Cecil Higgins ". Oltre ai merletti ci sono disegni, schizzi, brutte copie, medaglie e tutto il materiale che testimonia questa grande industria durata 75 anni.

Di questa collezione sono stati pubblicati tre libri con schede di accompagnamento.

Cecil Higgins Art Gallery
Castle Lane

Bedford
MK40 3RP

http://www.cecilhigginsartgallery.org/shop.htm

Gruppi

A Bredford opera dal 1977, il gruppo "Merlettaie d'Aragona" e da allora operano altri gruppi di merlettaie. Il gruppo si incontra per migliorare la tecnica e per impartire lezioni a chi si volesse accostare a questa antica arte.

tic@bedford.gov.uk

Nel 1976 presso l'Università Mander di Bredford si sono ritrovate tutte le merlettaie della regione per formare una nuova cooperativa del merletto:

THE LACE GUILD, The Hollies, 53 Audnam, Stourbridge, West Midlands, DY8 4AE.


Leighton Linsdale

A Leighton Linsdale c'è un museo che dedica una stanza all'attività del merletto.Una testimonianza storica riporta che: in questo paese nel 1797 si viveva in uno stato di povertà, i giovani lavoravano i campi e le donne a casa riuscivano a guadagnare qualcosa lavorando con i fuselli.

http://www.leighton-museum.org.uk/


Luton

I primi studi sul merletto di Luton li ha condotti Anne Buck, che ha scritto un libro raccontando la storia di Thomas Lester mercante di merletti, che ha dovuto combattere contro la diffusione del merletto meccanico. La sua grande industria ha operato fino ai primi del 900 ed ha prodotto merletti pregiati di rara bellezza e qualità.

Anne ha ristampato anche un libro scritto 90 anni fa. Questo libro racconta la biografia di una merlettai che è vissuta a cavallo dell'800 : Catherine Channer. Anne ha aggiunto altri particolari alla biografia di questa grande merlettaia, che le ha insegnato l'arte del merletto. Catherine ha vissuto nel villaggio di Ravensthorpe e nel libro si fa un'analisi molto accurata dello sviluppo e del declino del merletto nella regione del Bedfordshine.

Museo di Luton

La galleria di merletti nel Museo di Luton, è conosciuta a livello internazionale. La collezione racconta 400 anni di storia del merletto inglese e continentale. Il museo è a disposizione di tutti coloro che desiderassero approfondire gli studi su questa antica  arte nel Bedfordshire

http://www.luton.gov.uk

e- mail: museum.gallery@luton.gov.uk

 

Sul merletto di Luton sono stati scritti due libri da Sally C. Barry:

"Luton Lace Treasury".

Si racconta la storia del merletto a Luton e nel Bedfordshire.con schemi e descrizioni del merletto locale.

 

 

luton lace lutonlace

 

to9

Questo tombolo proviene dalla Scozia, i fuselli sono stati realizzati in legno di rosa .

 Foto di Jessie Young ( Scozia)

 

 


 

Torna mondo

 

Home page

§ immagine in copertina del libro: “ Bredforshire Lace Collection” di Barbara Underwood

°Tebbs, L.A. and Rosa Tebbs. The Art of Bobbin Lace Supplement, Chapman and Hall, 1911