Bibila al Benaki Museum ( 17/05-18/06 - 2006)

Organizzazione a cura di Xenia Politou and Despina Koutsika

 

 

In occasione del Congresso internazionale dell’OIDFA 2006 ad Atene, il Museo Benaki ha ospitato, nella sala Spyridon and Euridike Costopoulou, una collezione di antichi merletti greci (24 esemplari), provenienti da una mostra permanente all’Albert e Victoria Museum di Londra. I bassi merletti ci raccontano l’uso, per adornare abiti o guarnire costumi, mai per coprire ampie aree, come si faceva in Europa. Questa collezione, che ci racconta la storia del merletto cretese, è una parte della collezione del Museo Londinese proprietà di  Tomas Sandwith, console britannico(1870- 1875) a Chania, nell’isola di Creta e ci mostra le tecniche usate in Grecia dal XVI al XX secolo. Gli eredi di Sandwith donarono la collezione all’archivio storico di Creta. Sandwith non era un collezionista di merletti, ma li riceveva in dono dalle donne locali come riconoscimento per il suo interesse caritatevole e l’assistenza economica, verso le persone bisognose.

 

antico merletto cretese

 

Tornato in patria donò il tutto all’Albert e Visctoria Museum , una piccola parte venne donata dalla nipote Priscilla-Boys Smith, al museo di storia di Creta a Heraclion e all’archivio storico di Creta ad Hania nel 1975.

Il percorso ci mostra la più antica tecnica: il reticello per poi passare ad un lavoro similare, ma a fuselli e altri lavori sempre a fuselli rifiniti con del ricamo ad ago e il bellissimo bibila, molto comune in Grecia. I maggiori esemplari della collezione provengono dall’isola di Creta.

 

benaki lace 

 

Antico merletto a fuselli

 

 

         

Sampler di bibila

 

Particolare di un sampler con la magistrale e secuzione del piccolo leone

 

Particolare

 

 

 

 

Borsina portamonete dono della regina Maria, zona di origine, Grecia. Lavorazione ad ago con filati di seta.

 

 

         

 

http://www.cultureguide.gr/events/0/white_line.gif       

 

Borsettine portamonete in bibila, dono della regina Vittoria all’ambasciatore turco, 1845          

 

La caratteristica del bibila sono la delicatezza dei colori e i minuti motivi, serve a bordare scialli e altri oggetti, è un insieme di nodi e di punti. Appare in tutto il Mediterraneo Orientale, come la Turchia. Il merletto a fuselli è tipico dell’isola di Creta, qui è famoso anche il “Boleto o Spoleto”, il nostro macramè, molto di moda a Creta tra il XVII e XVIII secolo. Si pensa che durante il periodo bizantino in Grecia si lavorasse già il tipico punto greco” punto asola”, che poi si diffuse in Italia. Facevano parte della collezione museale anche 2 scialletti di merletto, di Creta.

 

 

 

Questo articolo sul merletto al Benaki Museum è apparso sul giornale greco” Kathimerini”, il 21 maggio 2006

Home page

 

 

 

 

http://photo.kathimerini.gr/kathnews/images/dot_clear.gif

 

 

 

 

 

http://www.cultureguide.gr/events/0/white_line.gif

 

 

 

 

 

 

http://www.cultureguide.gr/events/0/white_line.gif