Pieter Paul Rubens

 

Nacque a Siegen, Germania nel 1577, da genitori olandesi. A 12 anni si trasferì con la madre e i fratelli ad Anversa, il padre era morto già da due anni. Frequentò una delle migliori scuole e a 14 anni chiese alla madre di poter entrare come apprendista nella bottega di un pittore.

Fu allievo di Tobias Verhaecht, poi di Adam Van Noort , in seguito si mise sotto la direzione di Otto van Veen ( Vaenius), primo pittore olandese.

 A 21 anni Rubens ottenne l’iscrizione alla corporazione degli artisti di Anversa e nel 1600 partì per l’Italia convinto di crescere artisticamente e poter fare una rapida carriera. A Venezia ebbe dei contatti che lo portarono a diventare pittore di corte di Vincenzo Gonzaga, duca di Mantova.

 

 

       

Vincenzo Gonzaga, (1562-1612) Duca di Mantova

sposò Eleonora De Medici

 

Nel 1606 partì alla volta di Roma e nel 1608 ritornò ad Anversa per la morte della madre.

Nel 1609 venne nominato “pittore di Palazzo” di Alberto e Isabella, reali dei Paesi Bassi.

Negli anni a seguire si sposò con la dolce Isabella Brant che morirà a soli 35 anni.

Rubens fu anche un abile diplomatico e divenne artefice di pace tra la sua patria, l’Inghilterra e la Spagna.

Dopo anni di sconforto si risposò all’età di 53 anni con Helena e nel 1635 acquistò un castello a Malines

e nel 1640, paralizzato le mani da una artrite, morì da un attacco di cuore.

In suo suffragio vennero celebrate 500 messe e 8 mesi dopo la sua scomparsa Helena battezzò la piccola Costanza, concepita prima della morte del padre.

 Nel 1642 gli eredi misero all’asta la sua collezione privata che comprendeva: 9 quadri del Tiziano, 10 di Van Dyck suo allievo, 5 del Tintoretto, 4 del Veronese, 12 di Bruegel il Vecchio e 94 sue tele autografate.

 

 

I quattro filosofi ( Rubens  24 anni è il primo a sinistra, dietro il fratello maggiore Philipe) –1602

- Galleria Palatina - Palazzo Pitti, Firenze

 

 

 

     

                                                                      Particolare del collare bordato di merletto

 

Busto di Rubens, 1633 - bronzo, 68 x 67 cm
Koninklijk Museum voor Schone Kunsten, Antwerpen (Olanda)

 

 

Pietere Paul Rubens con la moglie Isabella Brant sotto la pergola, 178x136 (1609-10)

Vecchia Pinacoteca Munich, Monaco di Baviera

La loro unione era basata su una intesa profonda e armoniosa, cementata dalla perdita della figlia Chiara Serena all’età di 12 anni.

Isabella morì a 35 anni da un male incurabile o dalla peste e il pittore ne rimase profondamente sconvolto.

 

Ritratto di bambina Galleria, 1618- Galleria  Liechtenstein, Vaduz

 

Si suppone sia il ritratto della primogenita di Rubens, Chiara Serena ( la dolcezza e l’espressione del viso è tale a quello di Isabella)

 

 

  

 

Autoritratto(1628) e ritratto di Isabella ( 1626 ) -  Galleria degli Uffizi, Firenze

 

 

Isabella Brandt 1623-26, National Gallery Of Art Washington

 

 

 

Helena Fourmet, con il figlio Francis, 1635

Pinacoteca Monaco di Baviera

 

Rubens si risposò con la diciassettenne Helena, all’età di 53 anni. Il suo modo di dipingere cambiò e la giovane moglie fu  grande ispiratrice e

 modella nei suoi nudi.

 

Rubens con Helena ed il figlioletto

 

Helena, Van Dyck

 

Autoritratto,1639 - 109,5 x 85 cm
Kunsthistorisches Museum, Vienna

 

     

Nei suoi dipinti si possono vedere molti angioletti, bimbi e amorini, tra molti di loro si può scorgere l’espressione di suo figlio Francis.

 

 

Torna potenti

 

Torna Merletto e….

 

Home page