" Renda in Brasile"

 

Rendeira%20do%20Cear%C3%A1%205

 

Il merletto in Brasile è arrivato dalle donne portoghesi e da quelle dell'isola di Madeira e Azzorre. I loro mariti e fratelli erano pescatori e marinai, solcavano i mari fino alle coste del Brasile e dell'isola di Santa Catarina. Le prime donne brasiliane che appresero l’arte del merletto erano indigene e un detto popolare dice che dove c'era pesce da pescare, là c'era anche il merletto. Un tempo si facevano i merletti usando le fibre del banano^. Soltanto la costanza nel tramandare di generazione in generazione ha fatto in modo che il merletto ancora oggi venga realizzato e sia vivo nel nord-est del Brasile.

 

http://www.fioretombolo.net/brasile_file/image005.jpg

 

Monumento a Fortaleza dedicato alla merlettaia

 

Le giovani comunque non sono ben disposte ad apprendere questa arte che ormai viene portata avanti dalle persone più anziane. Sul mercato brasiliano c’è molta difficoltà a reperire il materiale per questo tipo di lavorazione, mancano libri specializzati, spilli, filati, tomboli. Quindi le merlettaie si devono costruire da sé gli strumenti del mestiere.

 

Le zone più significative dove si pratica ancora questa lavorazione sono: Pernambuco, Aracati, Paracuru, Cascavel, Fortaleza, Guarapari, Recife, Iguape,Acarau,Trairi Aquiràz, Santa Catarina.

Marina, appassionata merlettaia ci ha inviato una lettera dove descrive la situazione attuale del merletto in Brasile.

rendeira 3

 

Il tombolo cambia nome in base ai paesi dove le merlettaie vivono: Palma (dalla palma di noce di cocco), ragno, siri. La denominazione dei punti è molto varia: caracol (lumaca), carocinho de arroz (chicco di riso), flor de goiabeira, meia-luna (mezza luna), bico de pato (becco d'oca), traca (traccia), barata, estrada de ferro (ferrovia), margarida (margherita), tijolinho, ecc.

Il disegno di cartone si chiama cartão o desenho.

Le giovani che si avvicinano a questa nuova arte iniziano con 12 fuselli poi con l'esperienza si arriva a 36 o 64.

 

rendeira4

 

Iguape, si trova a 50 Km. da Fortaleza, è un paese dove le donne, si dice, nascono già merlettaie " Rendeiras".

 

Rendeira%20do%20Cear%C3%A1%201http://www.fioretombolo.net/brasile_file/image013.jpg

 

http://www.fioretombolo.net/brasile_file/image015.jpg

 

Rendeiras di Cearà (Courtesy by Marina

)

meu padrão (2) 

Merletto di Marina

fiore tombolo

  Logo di “Fiore e Tombolo” realizzato in Brasile da Marina

 

L'immagine di Cearà è sempre stata legata alle donne che lavorano il merletto che è conosciuto come "renda de bilro" o renda da terra perchè la lavorazione avviene in una posizione da inginocchiate a terra. E' una attività esercitata da molte donne del luogo e la sua produzione è distribuita in tutto il litorale.

 

http://www.fioretombolo.net/brasile_file/image021.jpg

Bilros (Fuselli)

meus

fusello realizzati a mano da Marina (a destra) e dalla sua insegnante (sinistra)

 

Oggi, le merlettaie dello stato di Cearà danno un grande contributo all'economia oltre che all'attività della pesca.

La prima donna di Cearà che venne in Europa e portò la sua arte del merletto, fu nel 1748.

In questo stato, presso Lagoa da Encantada c'è la tribù indios dei Payaku, formata da 220 persone. Le donne si dedicano anche al merletto.

 

http://www.unicamp.br/~everaldo/bahia/bahia-p1.gif

 

Giovani merlettaie ( 1976 Bahia- Brazil)

Coutesy by Lilita Cerquiera

 

A Guarapari, un tempo non c'era casa dove non ci fosse una merlettaia intenta nella lavorazione del merletto. Le merlettaie lavoravano davanti al portone di casa, per sfruttare tutte le ore di luce, quando non c'era l'elettricità. Nel 1949 era ancora in vita, una merlettaia di 120 anni, aveva tre sorelle e tutte e quattro avevano appreso l'arte del merletto dalla madre, che era stata una famosa merlettaia. Un tempo, quando i collegamenti tra le città non erano facili come oggi, c'era chi si dedicava al commercio dei merletti, comprandoli e rivendendoli; oggi le merlettaie vendono direttamente le loro opere anche per posta. Rispetto ad un tempo, le merlettaie sono diminuite del 90% e le giovani donne non amano cimentarsi con i fuselli.

Per il turista che arriva in questo luogo, esso gli appare come una magia: le case si affacciano sulla baia azzurra, le donne che lavorano al tombolo, gli uomini che sistemano le reti da pesca e intorno aleggia una atmosfera di calma e serenità. Molte merlettaie amano lavorare con calma e tranquillità, altre cantare e altre recitare dei versi.

In questa zona il tombolo viene riempito con le foglie secche dell'albero di banane e i fuselli vengono fatti anche dalle stesse merlettaie o da persone che poi li rivendono. I bilros o fuselli sono realizzati da una asticciola che porta ad una estremità, il seme di una noce di cocco fatto a pallina che cresce nella zona, e dall'altra un'altro piccolo seme di piripiri. Le merlettaie si tramandano i fuselli come patrimonio di famiglia.

Per quel che riguarda lo stile e il disegno, si cerca di portare delle innovazioni, i punti principali sono:matachim, aranha, pano aperto, pano fechado, pano baiano, trancinha, trocadinho.

Nello stato di Piauì nel giugno del 2009 è stato inaugurato il museo del merletto. L’aver ottenuto uno spazio dedicato alla conservazione , ricerca e insegnamento del merletto è stata una grande conquista per le merlettaie e per tutta la comunità

 

http://www.fioretombolo.net/brasile_file/image027.jpg

 

Nella regione di Santa Catarina, il simbolo del paese sono le barche dei pescatori e le merlettaie (tejedoras de puntillas). C'è una "Casa das Rendeiras" dove si possono acquistare i merletti. A sostenere la tesi che a Santa Caterina si fa il merletto da parecchi anni, il Victoria & Albert Museum conserva un documento importante datato 1919.

© Victoria and Albert Museum, London

Pagina contenente campioni di merletto fatti a mano e meccanici. Il documento porta l’intestazione della società AREIAS & CIA, Rio Grande. C'è una scritta a penna “Questi sono pizzi importati” al di sotto della quale sono attaccati 14 campioni di merletto in cotone bianco (presubimilmente meccanici). Di seguito una seconda iscrizione "Questi sono i merletti fatti a mano di Santa Catharina" sotto la quale sono attaccati 8 frammenti di merletto a fuselli.

 

La regione di Parnaìba, terra conquistata nel passato da spagnoli e portoghesi, è famosa per molte forme di artigianato, tra queste spicca il merletto a fuselli.

 

 

Le rendeiras con i grandi cuscini ricoperti di tessuti molto colorati come lo spirito brasiliano

 

http://www.fioretombolo.net/brasile_file/image029.jpg

 

Sede dell’Associazione delle merlettaie di Morros da Mariana alla “Casa das Rendeiras” a Ilha Grande nello stato di Parnaibà

 

Nella primavera del 2018 l’Associazione ha ricevuto la medaglia al merito Legislativo Comunale come riconoscimento per aver offerto un servizio di rilevanza culturale per il paese. L’Associazione fondata nel 1992, da lungo tempo  ha mostrato vivo interesse verso eventi legati alla moda a livello nazionale e internazionale. In occasione del secondo mandato del Presidente Lula, la First Lady Marisa Leticia ha indossato un abito giallo con uno spolverino dello stesso colore tutto di fiori realizzati a merletto a fuselli. Lo stilista del completo è Walter Rodrigues e le artigiane esecutrici delle miriadi di camelie (1500) a mezzo punto sono state 25 merlettaie di Ilha Grande. Dopo questo evento le merlettaie hanno avuto molti ordini da parte delle future spose che volevano sposarsi coperte da camelie di pizzo.

In molte occasioni pubbliche, la moglie del presidente Lula ha indossato abiti e accessori che mettevano in risalto l’artigianato del suo paese.

 

Abito da sposa in camelie di pizzo

 

 

Top di un abito disegnato da Walter Rodrigues e realizzato con piastrelline fatte di merletto dalle rendeiras di Morros da Mariana.

 

Dieci  merlettaie a Ilha Grande si sono riunite nella “Cooperativa delle merlettaie del delta di Parnaibà” e vendono i loro prodotti ai turisti che in questa regione, lungo il delta del fiume Parnaibà fanno lunghe escursioni e la sede della Cooperativa è una tappa interessante per conoscere le tradizioni brasiliane.

 

 

Cooperativa delle merlettaie del delta di Parnaibà

 

I disegni dei merletti si sono rinnovati inserendo elementi che rappresentano la fauna marina della zona protetta del delta del fiume.

 

 

Inserimento nei nuovi disegni della stella marina, tartaruga, cavalluccio marino

 

Anche nella città di Maceiò (ha ricevuto il titolo di Capitale americana della Cultura) si possono veder le merlettaie chine ed intente sul loro tombolo.

Nello stato di Maranào la più alta forma di artigianato è il merletto e si riconosce alle donne maranhensi la bravura e la costanza nel continuare questa forma di artigianato artistico.

Presso Lagoa di Conceição c'è una zona dove un tempo le merlettaie vendevano i loro merletti, una delle più grandi tradizioni dell'isola.  Nonostante ci siano ancora oggi circa 100 "rendeiras"( merlettaie), in questo paese, le giovani non sono interessate a portare avanti questa arte, ma si dedicano ad altri lavori, più redditizi. Si calcola che per fare un merletto lungo 3 metri, si impiegano circa 6 mesi lavorando parecchio, per poi guadagnare circa R$ 300,00.

Nel 1971 presso la Camera del Consiglio ci fu una controversia nella quale il Consigliere Dakir Polidoro sosteneva che il merletto era una attività industriale, non artigianale, pertanto non urgevano tutele per conservare la tradizione di questa lavorazione.

Alcune di queste brave merlettaie continuano la loro lavorazione, convinte del loro sapere e della loro arte. La loro tecnica le ha portate a realizzare circa 50 tipi di punti.

Fra loro c'è la Signora  Norméia Barcelos Felisperto , di 55 anni. come tutte le altre merlettaie apprese l'arte dalla madre all'età di 5 anni. Poi c'è la Signora Silvia Maria Vieira di 42 anni specializzata nella "renda da arco"; lei terminò un merletto in 6 mesi, lavorando 8 ore al giorno. Per il suo, lavoro chiese R$ 500,00, ma è stato molto difficile trovare un compratore.

rendeira5

 

rendeira6

Merlettaie brasiliane (1998)

rendeira7

Mercato del merletto a Recife (Brasile)

Curiosità

http://www.fioretombolo.net/brasile_file/image037.jpg

·        Il Brasile omaggia il lavoro della merlettaia con una danza “La Dança da Mulher Rendeira”, le ballerine si muovono ad un ritmo allegro sempre con il tombolo in mano. Si puo’ visionare un video su Youtube all’indirizzo    http://www.youtube.com/watch?v=wjTX1SNvmi4

·        “Mulher Rendeira” è una canzone brasiliana scritta nel 1922, è stata eseguita in 120 versioni.

·        Nel 1974 è uscito in Brasile un francobollo raffigurante un merletto e nel 1976 e 2000 raffigurante una merlettaia.

 

http://www.fioretombolo.net/brasile_file/image039.jpg

 

·        In Brasile venne stampata una moneta di 10.000 cruzeiros con l’immagine della merlettaia.

 

http://www.fioretombolo.net/brasile_file/image041.jpghttp://www.fioretombolo.net/brasile_file/image043.jpg

 

·        Lo stilista brasiliano, Walter Rodrigues, rimase colpito da un'immagine del XII secolo, che lo ispirò a realizzare degli abiti con applicazioni di merletto a fuselli in filato color nero. Recentemente ha portato una sua sfilata in Francia.

·        Nel Museo di arte Moderna a San paolo del Brasile c’è un quadro di Renoir, risalente al 1877; ritrae la contessa Melanie de Pourtalès  con un abito ornato da un bel merletto. Il dipinto assume un forte fascino ed emana eleganza e piacevolezza nell’ammirarlo.

 

http://www.fioretombolo.net/brasile_file/image045.jpg

 

rendeira

Eila Ampula ha dedicato questo pannello, con la tessitura a mano, a tutte le merlettaie brasiliane.

 

http://www.fioretombolo.net/brasile_file/image049.jpg

 

Locandina di un Campus universitario brasiliano

 

 

olimpiadi rio 2016.jpg

Nella cerimonia di chiusura delle olimpiadi di Rio 2016 è stata dedicata uno spettacolo di danza imperniato sulla renda de bilros ( merletto a fuselli).

 

rio 2016 fabrizio bensch.jpg

Un merletto che crea una scenografia mozzafiato, al centro è stata messa la merlettaia con il cuscino.

http://www.fioretombolo.net/brasile_file/image055.jpg

 

 

^Clifford, C. R. The Lace Dictionary, Clifford & Lawton, 1913

I testi sono dell’autrice

E’ vietata qualsiasi forma di riproduzione, anche parziale, di questa e di tutte le pagine del sito.

 

 


 

Ringraziamenti

Per il contributo nella realizzazione di questa pagina ringrazio vivamente Marina, il Signor Angelo Zucconi e i siti

http://jangadabrasil.com.br/junho58/of58060c.htm

http://afnb-bsb-colecionismo.blogspot.it/2010/08/mulher-rendeira-cr-1000000.html

Torna Mondo

Home page