“ La balia ”

 

La balia che viveva nelle case nobili veneziane era un segno di ostentazione, di benessere e  di prestigio,  fino agli anni venti indossava una lunga gonna arricciata in vita con una balza di colore contrastante sul fondo,  una camicetta bianca impreziosita da ricami e sopra un grembiule di tessuti pregiati e spesso trasparenti, orlato di volants e merletti. Gli ornamenti preziosi crescevano con la crescita del bambino, a volte la balia sfoggiava anche i gioielli della famiglia che la ospitava. Presso il Museo Etnografico di Belluno c’è una fotografia che rappresenta le balie bellunesi in piazza S Marco a Venezia: le tre balie indossano grembiuli candidi con bordi e tramezzi di trina.

 

Luchino Visconti con la sua balia Maria che racconta: “Quando uscivo per andare ai giardini col mio figlio di latte, ci tenevano che fossi sempre ben vestita, con i grembiuli di pizzo, gli spilloni e la collana» ((Museo etnografico Cesiomaggiore)

 

Donna sconosciuta detta “La balia di casa Medici”

Paris Bordone, Galleria Pitti, Firenze*

 

Luigi XIV con la sua balia, dame Longuet de la Giraudière,

Henri And Charles Beaubrun,

Museo Nazionale del Castello di  Versailles e dei Trianons

 

 

 

*L’immagine è tratta da “L’imperiale e reale Galleria Pitti”, 1837

 

Home page